Vittoria di un pensionato su Equitalia: sospeso il pignoramento!

Pubblicato il 28 giugno 2016 | News

equitalia_carta-straccia​Equitalia pignora il libretto di un pensionato che vive con 578,00 euro al mese. Stop del Tribunale di Lecce

Il Tribunale di Lecce ha sospeso il pignoramento, effettuato da Equitalia, del libretto postate di un anziano leccese che percepiva una pensione di poco più di 578 euro al mese. L’uomo, che vive da solo e paga un affitto, era costretto a far quadrare i conti facendo affidamento proprio su quel denaro, l’unica sua fonte di sostentamento.

Il provvedimento di sospensione del pignoramento avviato da Equitalia adottato del Giudice dell’Esecuzione per violazione del cosiddetto “minimo vitale impignorabile” fissato dalla riforma del 2015, restituisce un po’ di respiro al povero malcapitato.

Secondo la riforma del codice civile introdotta dal D.L. 83/2015, infatti, la pensione può essere pignorata, al massimo nella misura di un quinto e su ciò che rimane dopo avere sottratto una somma pari all’assegno sociale aumentato della metà, somma che,  per il 2015, equivaleva ad 672,78 euro. Pertanto, la pensione di vecchiaia percepita dal contribuente che, come detto, è pari a 578,66 euro mensili, risulta assolutamente impignorabile e l’iniziativa esecutiva posta in essere da Equitalia appare “illegittima e infondata”.

«Negare a un pensionato ogni mezzo di sostentamento per soddisfare le proprie esigenze di vita primarie ed essenziali – si legge nella nota - non è soltanto disumano, ma anche contrario alla recente riforma del d.l. 83/2015, e, ancor prima, al dettato costituzionale e alla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea (Trattato di Lisbona), che garantisce il diritto all’assistenza sociale onde assicurare un’esistenza dignitosa a chi non disponga di risorse sufficienti».

Del resto, privare di un uomo dell’unica sua fonte di sostentamento quale può essere appunto la pensione significa portargli via la possibilità di vivere degnamente.

«Nel caso specifico, l’iniziativa di Equitalia appare evidentemente contraria a norme imperative per violazione del minimo vitale e, ove confermata a seguito della dichiarazione delle Poste Italiane, potrebbe dar luogo alla condanna di Equitalia anche per responsabilità processuale aggravata».

Fonte:  leccenews24.it 27 giugno 2016

ORA LO SAI CHE SI PUÓ!

Possiamo difenderti dalle Banche ed Equitalia. Clicca qui per saperne di più.

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Ricevi i nuovi articoli per email


Potrebbero interessarti anche:

Monte dei Pegni: code sempre più lunghe e tanta rabbia

MILANO «Perché sono qui? È un circolo vizioso. Al Monte dei pegni mia moglie è venuta nel ‘99. La mia azienda era andata in crisi. Ho venduto tutto, casa, due auto, per liquidare i miei 25 dipendenti. Non ci è rimasto più nulla salvo i gioielli di famiglia e qualche oggetto d’argento. Lei li ha […]

Equitalia: ecco come la riforma fiscale modifica le procedure di pignoramento

In caso di accertamento fiscale esecutivo, Equitalia potrà avviare immediatamente le pratiche del pignoramento (blocco del conto, stipendio, pensioni, ecc.) oltre alle misure cautelari (fermo e ipoteca), senza più aspettare (come in passato) 180 giorni: è questa la novità appena approvata dal Governo con la recente riforma fiscale. L’accertamento esecutivo contiene l’intimazione a pagare le somme dovute entro 60 […]


Analizza le tue posizioni bancarie


CONTATTACI