Le trappole delle Cessioni del Quinto

Pubblicato il 25 maggio 2017 | News

Banca-approfittatriceLe Cessioni del quinto di Stipendio e di Pensione sono alcuni dei finanziamenti che hanno superato indenni il periodo di crisi.

Infatti rientrano in questo tipo di finanziamenti le cessione del quinto INPS dipendenti pubblici, le cessione quinto INPDAP, i prestiti INPS per pensionati.

Dato che questo tipo di finanziamento prevede prestiti pensionati INPS fino a 90 anni si comprende bene che i dipendenti sia pubblici che del settore privato possono farne ricorso senza troppa difficoltà.

Solitamente i clienti delle finanziarie ricercano, la migliore cessione del quinto, la cessione del quinto più conveniente la cessione del quinto miglior tasso, i tassi della cessione del quinto, ma in effetti questa loro ricerca del tasso migliore non impedisce a banche e finanziarie di spargere qua e là trappole per intascarsi illegittimamente del denaro.
Uno dei mezzi più usati è relativo al rinnovo cessione del quinto.

Infatti la cessione del quinto, la cessione del quinto INPS, i prestiti con cessione del quinto, la cessione quinto pensione possono essere costantemente rinnovati. In cosa consiste il rinnovo? Ma soprattutto come funziona una cessione del quinto?

La cessione del quinto dello stipendio (CQS) o della pensione (CQP) è una forma di finanziamento a tasso fisso e con pagamento costante della rata che ogni mese viene trattenuta o dallo stipendio o dalla pensione.

La somma addebitata non può essere superiore ad un quinto della busta paga o del cedolino di pensione.

La CQS può essere richiesta sia da dipendenti pubblici o da quelli statali ma anche da dipendenti di aziende private compresi lavoratori a termine o parasubordinati come i Medici di Base o Famiglia. La cessione del quinto di Pensione può essere richiesta dai pensionati INPDAP, INPS e delle casse mutualistiche.

La richiesta di CQS che in pratica è un prestito personale può essere effettuata sia alle banche sia alle società finanziarie direttamente oppure attraverso l’attività di agenti finanziari o mediatori creditizi. I costi ovviamente non sono gli stessi. La Cessione del quinto richiesta allo sportello Bancario ha ovviamente un costo inferiore non essendoci spese di intermediazione finanziaria.
La Cessione del Quinto prevede solitamente la sottoscrizione di prodotti assicurativi accessori come la polizza per il rischio di vita e quella per il rischio dell’impiego che dovrebbero essere a tutela degli eredi del cliente in caso di morte o del cliente stesso in caso di perdita del lavoro.

Il costo di tali polizze è sempre a carico del cliente consumatore. Il peggioramento della sicurezza del posto di lavoro a causa del Jobs Act e della Crisi ha provocato un sensibile aumento dei costi di queste assicurazioni.
La cessione del quinto ha solitamente una durata massima di 10 anni ma passato il 40% della durata il finanziamento può essere rinnovato. Ovvero può essere estinto e può esserne fatto uno nuovo.
Per estinguere la precedente cessione del quinto è necessario richiedere un conteggio estintivo della vecchia cessione alla banca/finanziaria. Solitamente questo conteggio è artatamente non corretto e la somma richiesta è ben superiore a quella dovrebbe essere richiesta. Questo comportamento è stato stigmatizzato dai tribunali italiani e soprattutto dall’Arbitro Bancario Finanziario (ABF).

Ma le banche continuano con questo comportamento illegittimo.

In questi ultimi anni la situazione è notevolmente peggiorata. Inoltre gli uffici legali delle banche sono sempre più agguerriti. Da qui nasce la necessità dei consumatori di ricevere una assistenza professionale per far valere i propri diritti.

UNA – Analisi rapporti bancari fornisce un servizio di recupero delle somme illegittimamente trattenute dalle banche e finanziarie. “Il cliente affidandosi alla nostra struttura” ci dice Stefano Fucili, presidente di UNA – Analisi rapporti bancari “ha la certezza di ricevere un servizio di qualità che prevede l’analisi econometrica e giurimetrica del finanziamento e l’attività relativa di richiesta del maltolto, a Banche e Finanziarie che permetterà al cliente di ricevere un rimborso completo e nel più breve tempo possibile”
Come è strutturata UNA sul territorio?

“La nostra sede è a Borgo Maggiore di San Marino in Via 28 Luglio 212 e possiamo gestire le richieste anche a distanza chiamando il numero di telefono 0549980079. È possibile inoltre inviarci il contratto di finanziamento e il conteggio estintivo all’email gestioneclienti@unasrl.it oppure per FAX al numero 0549907865
Quali sono stati i vostri risultati in questi anni? “UNA esiste da 10 anni, il settore del controllo delle analisi delle Cessioni del quinto è esploso negli ultimi anni anche perché c’è stata da parte dei consumatori una maggiore attenzione alla attività delle banche. Nel 2016 abbiamo fatto recuperare ai nostri clienti più di un milione di euro. I dati del 2017 sono in forte crescita in quando ad oggi, 25 maggio le richieste in corso superano gli 870 mila euro”.
Ci sono altri strumenti per mettersi in contatto con voi?
“Certo. Cliccando qui si possono inserire delle informazioni al fine di essere ricontattati.”

Share on Facebook0Share on LinkedIn40Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Ricevi i nuovi articoli per email


Potrebbero interessarti anche:

Carisparmio: perdita semestrale di 58,5 milioni di euro

BOLZANO. Nonostante uno stabile risultato operativo, gli accantonamenti straordinari per la copertura dei rischi hanno inciso fortemente sul risultato del primo semestre della Cassa di Risparmio – Sparkasse, che presenta una perdita di 58,5 milioni di euro. Esclusivamente per effetto di una programmata riduzione di raccolta istituzionale la raccolta complessiva con 9,8 miliardi di euro si […]

Comune di Teramo: macigno Derivati per i cittadini

Anche quest’anno sul bilancio comunale, e quindi sui cittadini teramani, pesano tantissimo i contratti derivati stipulati dal Comune con due istituti di credito nel giugno 2006 e che impegneranno il l’ Ente fino al 31 dicembre 2025. Nell’ ultimo esercizio siamo stati costretti a pagare flussi differenziali negativi per un importo di 393.500 euro, addirittura il […]


Analizza le tue posizioni bancarie


CONTATTACI