Nuove sofferenze per UN MILIARDO di Euro. Banca Marche e le altre 3 sempre peggio.

Pubblicato il 16 novembre 2016 | News

20150220_bamarcheUbi Banca potrebbe procedere all’acquisto di Banca Marche, Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio e Cassa di risparmio di Chieti, tre delle quattro cosiddette “Good Banks” originate dall’operazione di salvataggio operata dal governo lo scorso dicembre.

L’istituto ha reso note le condizioni alle quali sarebbe disponibile a portare a termine l’acquisizione alla quale potrebbe seguire un aumento di capitale nell’ordine di 200-300 milioni.

Ma mentre Massiah pare deciso all’acquisto (forse sollecitato?) i  mercati hanno reagito negativamente alle indiscrezioni inerenti l’interesse per l’acquisto dei tre istituti: il titolo UBI ha perso infatti circa il 15% in borsa nell’ultimo mese. Il problema principale sembra essere rappresentato dalla ulteriore “pulizia” richiesta per i crediti deteriorati.

In seguito al salvataggio operato dal Fondo di Risoluzione Nazionale (al quale ha contribuito la stessa UBI insieme a Unicredit e Intesa) lo scorso dicembre, le sofferenze dei quattro istituti, per un importo netto di circa 9 miliardi,  sono state trasferite in una  “Bad Bank” attualmente denominata REV gestione crediti. Allo stato secondo le verifiche effettuate dal potenziale acquirente sarebbero emerse ulteriori sofferenze per circa 1 miliardo.

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Ricevi i nuovi articoli per email


Potrebbero interessarti anche:

Periculum in mora e addebiti bancari per investimenti in titoli derivati

Tribunale di Lamezia Terme, 16 giugno 2014. Una decisione dal tenore eminentemente processuale. Si fa il punto, invero, sui requisiti necessari per concedere la tutela d’urgenza, ex art. 700 c.p.c., per ottenere la sospensione degli addebiti, posti in esecuzione del contratto d’investimento stipulato in titoli derivati, nei confronti del cliente-ricorrente. In particolare, sussiste il periculum […]

Anatocismo: super interessi, banca condannata

L’istituto sommava i tassi trimestrali nelle successive capitalizzazioni del debito. Fioccano casi e ricorsi. Gli interessi sugli interessi sono fuori legge (almeno quelli trimestrali e non quelli annuali) e la pratica è tanto difficile da scoprire quanto è difficoltoso pronunciare la parola che indica tale comportamento scorretto delle banche: anatocismo. Il Tribunale di Perugia, ancora […]


Analizza le tue posizioni bancarie


CONTATTACI