Nuove sofferenze per UN MILIARDO di Euro. Banca Marche e le altre 3 sempre peggio.

Pubblicato il 16 novembre 2016 | News

20150220_bamarcheUbi Banca potrebbe procedere all’acquisto di Banca Marche, Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio e Cassa di risparmio di Chieti, tre delle quattro cosiddette “Good Banks” originate dall’operazione di salvataggio operata dal governo lo scorso dicembre.

L’istituto ha reso note le condizioni alle quali sarebbe disponibile a portare a termine l’acquisizione alla quale potrebbe seguire un aumento di capitale nell’ordine di 200-300 milioni.

Ma mentre Massiah pare deciso all’acquisto (forse sollecitato?) i  mercati hanno reagito negativamente alle indiscrezioni inerenti l’interesse per l’acquisto dei tre istituti: il titolo UBI ha perso infatti circa il 15% in borsa nell’ultimo mese. Il problema principale sembra essere rappresentato dalla ulteriore “pulizia” richiesta per i crediti deteriorati.

In seguito al salvataggio operato dal Fondo di Risoluzione Nazionale (al quale ha contribuito la stessa UBI insieme a Unicredit e Intesa) lo scorso dicembre, le sofferenze dei quattro istituti, per un importo netto di circa 9 miliardi,  sono state trasferite in una  “Bad Bank” attualmente denominata REV gestione crediti. Allo stato secondo le verifiche effettuate dal potenziale acquirente sarebbero emerse ulteriori sofferenze per circa 1 miliardo.

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Ricevi i nuovi articoli per email


Potrebbero interessarti anche:

Tassi usurari, condannato ex impiegato di banca

Prestiti con tassi usurari, condannato e multato ex impiegato di banca. Quattro anni e mezzo di reclusione sono stati inflitti a un 74enne di Galatina, finito al centro di un’inchiesta avviata sei anni fa dalla guardia di finanza. LECCE - É stato condannato a quattro anni e mezzo di reclusione, più il pagamento della multa di 15mila […]

Equitalia: cartella con sanzioni su terzo tributo illegittima se impugnata

Secondo il Garante del Contribuente potrebbe essere illegittima la richiesta di pagamento delle sanzioni che l’Agenzia delle Entrate iscrive a ruolo tutte le volte in cui il contribuente, avendo fatto ricorso contro l’accertamento fiscale, non paghi subito 1/3 dell’imposta dovuta. Per comprendere, in poche e semplici parole di cosa si tratta, facciamo un passo indietro. Ogni volta che, a seguito […]


Analizza le tue posizioni bancarie


CONTATTACI