Imprenditore grazie alla legge sul SOVRAINDEBITAMENTO risparmia 455mila euro

Pubblicato il 18 gennaio 2017 | News

SovraindebitamentoIl tribunale di Como ha accettato una istanza di richiesta di riduzione del debito da parte di un imprenditore. Con l’applicazione della legge sul sovraindebitamento ha ridotto i suoi debiti da 509mila a 54mila euro.

La legge sul Sovraindebitamento (n. 3/2012), permette di ridurre i debiti in relazione alle concrete possibilità del debitore. I debiti dei soggetti non fallibili, ovvero, consumatori, piccoli imprenditori, microimprenditori, aziende agricole e liberi professionisti possono essere ridotti in funzione del reale reddito percepito dal richiedente.

E’ importante notare in questa sentenza, che possono essere ridotti i debiti nei confronti dell’erario e di equitalia e non solo verso banche e fornitori.

Il debito con Fisco gli è derivato dall’essere stato titolare di una partecipazione del 20% nel maglificio di famiglia, poi fallito. L’accertamento fiscale risale al 1993. Ha provato più volte a difendersi ma le sue ragioni non sono mai state accolte. All’importo iniziale di 166mila euro sono state aggiunte le sanzioni (125mila euro), gli interessi di mora (187mila euro), l’aggio e oneri di riscossione (29.500 euro).Il richiedente l’applicazione della legge sul sovraindebitamento, oggi, ha solo uno stipendio per far fronte ai debiti. La legge sul sovraindebitamento prevede che lo Stato possa pignorare solo un decimo delle entrate, per chi guadagna fino a 2.500 euro al mese.

CONTATTACI

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Ricevi i nuovi articoli per email


Potrebbero interessarti anche:

Anatocismo fiscale: finalmente il governo cancella l’ingiustizia

Avezzano – “La nostra Associazione – dichiara Pasquale Cavasinni direttore della CNA – da tempo aveva sensibilizzato i propri associati e le imprese in generale per mobilitarsi contro l’ipotesi del governo della reintroduzione, dopo anni, del pagamento degli interessi di mora anche sulle sanzioni e sugli interessi relativi ai debiti con il fisco. Siamo particolarmente soddisfatti per […]

Anatocismo e usura, Alessandria: banca condannata

Il Tribunale di Alessandria, con sentenza del 21 febbraio 2015, ha condannato la Banca a restituire al proprio cliente quanto indebitamente versato a titolo di interessi anatocistici ed usurari. Tra le parti sussisteva un ”articolato rapporto contrattuale” nell’ambito del quale l’istituto di credito aveva concesso al proprio cliente un’apertura di credito bancario. Il tutto estinto nell’anno 2007. […]


Analizza le tue posizioni bancarie


CONTATTACI