Equitalia: ecco come la riforma fiscale modifica le procedure di pignoramento

Pubblicato il 6 ottobre 2015 | News

images (1)In caso di accertamento fiscale esecutivo, Equitalia potrà avviare immediatamente le pratiche del pignoramento (blocco del conto, stipendio, pensioni, ecc.) oltre alle misure cautelari (fermo e ipoteca), senza più aspettare (come in passato) 180 giorni: è questa la novità appena approvata dal Governo con la recente riforma fiscale. L’accertamento esecutivo contiene l’intimazione a pagare le somme dovute entro 60 giorni: entro tale termine il contribuente può proporre ricorso al giudice. Se non lo fa, dopo ulteriori 30 giorni il carico tributario viene inviato a Equitalia che procede alla riscossione senza bisogno di notificare la cartella esattoriale. Tuttavia, in passato, si prevedeva che l’Agente della riscossione dovesse attendere non meno di 180 giorni per poter procedere al pignoramento (ferma restando, però, la possibilità di iscrivere da subito fermi e ipoteche). Questo lasso di tempo era stato previsto per dare la possibilità al contribuente di proporre ricorso al giudice ed, eventualmente, ottenere la esecutività del titolo. Oggi, però, questa moratoria è stata eliminata ed Equitalia ha, da subito, la possibilità di procedere al pignoramento. Il blocco di 180 giorni resta quindi in vita solo in presenza di accertamenti in contestazione.

Resta fermo l’obbligo, per Equitalia, prima di procedere alla riscossione, di inviare al debitore la raccomandata informativa con cui gli comunica di aver ricevuto, dall’Agenzia delle Entrate, l’incarico per il recupero del credito erariale.La raccomandata da oggi andrà inviata all’indirizzo risultante all’Anagrafe tributaria, a prescindere da quello di notifica dell’atto di accertamento.
Viene infine soppresso il termine decadenziale del 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di definitività dell’accertamento entro il quale devono essere avviate le azioni esecutive. Il recupero coattivo dovrà quindi rispettare i termini prescrizionali, di norma, decennali.

Fonte: laleggepertutti.it del 05 .10.2015

ORA LO SAI CHE SI PUÓ!

Possiamo difenderti dalle Banche ed Equitalia. Clicca qui per saperne di più.

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Ricevi i nuovi articoli per email


Potrebbero interessarti anche:

Derivati: un cancro per enti pubblici e aziende

Drenati con i derivati miliardi di euro che tolgono denaro ad aziende ed enti locali e arricchiscono le banche straniere. Messina – A Palazzo Zanca si torna a parlare di contratti derivati. In realtà, l’argomento non è mai passato di moda (lo dimostra l’incastro delle pratiche giudiziarie in corso), ma l’elaborazione del Piano di riequilibrio […]

Il disastro delle banche italiane viene da lontano

I problemi che stanno investendo il mondo della finanza e del credito negli ultimi anni e la recente situazione fallimentare di alcune banche locali con conseguenti drammi sociali, vengono visti e commentati con una miopia sconcertante, incapace di capire le vere cause che ci hanno portato ad essere ostaggio di un modello socioculturale collassato. Le […]


Analizza le tue posizioni bancarie


CONTATTACI