Cassazione: l’anatocismo è illegittimo sia se trimestrale che annuale

Pubblicato il 3 luglio 2014 | News

tribunale_giudiceTutelati i clienti delle banche: lo stop alla capitalizzazione trimestrale degli interessi non può giustificare quella annuale; errata la tesi secondo cui la pratica vietata potrebbe “rivivere” con altra periodicità.

Non è passata neanche una settimana da quando il Governo ha reintrodotto la possibilità, per le banche, di applicare l’anatocismo che la Cassazione, almeno per il pregresso, boccia su tutti i fronti la legittimità della pratica attuata sino ad oggi dagli istituti di credito. La sentenza, pubblicata proprio questa mattina, interviene in un momento in cui l’argomento torna attuale e scottante.

Secondo la Corte, l’anatocismo su base trimestrale, applicato dalla banca sul conto corrente del proprio cliente, non può essere sostituito con uno di altra periodicità, come quello annuale.

In pratica, il quesito posto ai giudici della Cassazione è stato il seguente: “Nel rapporto di conto corrente bancario, una volta ritenuta la nullità della clausola contrattuale [imposta dall’istituto di credito al proprio cliente] che prevede l’anatocismo trimestrale in favore della banca stessa, è possibile per il giudice integrare il contratto con un’altra clausola contrattuale speciale, che preveda una diversa periodicità di capitalizzazione degli interessi, non prevista dalla legge?”

La risposta lapidaria fornita dalla Corte è stata la seguente: l’anatocismo trimestrale applicato sul conto corrente viola sempre la legge e non può essere sostituito neanche con anatocismo di diversa periodicità (per esempio, annuale); anch’esso, infatti, sarebbe ugualmente illegittimo.

Già le Sezioni unite della Cassazione avevano chiarito che l’anatocismo è sempre contrario all’ordinamento: e non solo quando applicato ogni tre mesi. Ciò perché non esiste alcun uso normativo che giustifichi, nel settore bancario, una deroga al divieto che la legge pone all’anatocismo.

Infatti, come noto, il codice civile precisa che la pratica di calcolare gli interessi sul capitale addizionato agli interessi già scaduti (appunto, l’anatocismo) è illegittima salvo che non sia prevista da usi normativi: usi che, nel nostro ordinamento, non esistono!

Pertanto non è corretto ritenere – come vorrebbero le banche – che, nel negare l’esistenza di usi normativi di capitalizzazione trimestrale degli interessi debitori, quella stessa giurisprudenza avrebbe riconosciuto (implicitamente o esplicitamente) la presenza di usi normativi di capitalizzazione annuale a cui invece vanno applicati gli stessi principi in tema di capitalizzazione trimestrale.

Questo discorso, come detto in apertura, investirà i saldi debitori dei conti maturati sino ad oggi.
Quando diventerà invece efficace la nuova legge appena varata (in sordina) dal Governo, l’anatocismo su base annuale tornerà legittimo.

Fonte:  - Laleggepertutti.it del 02 luglio 2014

ORA LO SAI CHE SI PUÓ!

Possiamo difenderti dalle Banche ed Equitalia. Clicca qui per saperne di più.

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Ricevi i nuovi articoli per email


Potrebbero interessarti anche:

Anatocismo Bancario: Corte d’Appello di Campobasso condanna due Istituiti Bancari

CAMPOBASSO - Con due sentenze della Corte d’Appello di Campobasso ed una del Tribunale di Isernia due istituti bancari, tra i maggiori in Italia, sono stati costretti a restituire quanto illegittimamente percepito, ovvero ingenti somme a tre correntisti. Le sentenze sono state depositate il 30 Settembre 2014, il 14 Ottobre 2014 e il 27 Ottobre 2014. […]

Usura: aumentano le denunce. Aumenta la consapevolezza dei propri diritti

PIUBEGA. Chiede un mutuo alla banca Unicredit per una ristrutturazione sulla casa, ma il tasso gli sembra troppo alto. Così denuncia la banca per usura. Protagonista un cinquantenne di Piubega. L’uomo chiede 100mila euro alla banca perché deve sistemare la sua casa. L’istituto di credito glieli concede, ma chiaramente applica il suo tasso. «Cosa? Un […]


Analizza le tue posizioni bancarie


CONTATTACI