Boccia: Pd e governo ricancelleranno l’anatocismo

Pubblicato il 16 luglio 2014 | News

PD-SCISSIONE-FIDUCIA-LETTA-BOCCIAAveva già annunciato la sua strenua resistenza contro l’emendamento al decreto competitività che ha reintrodotto l’anatocismo (cioè gli interessi sugli interessi, o meglio, per essere tecnicamente corretti, la capitalizzazione degli interessi) abolito con la legge di stabilità del 2014. Ma oggi Francesco Boccia (Pd), presidente della commissione Bilancio della camera, è andato oltre: “#Anatocismo, capolavoro #Mef al contrario!”, ha twittato. “La manina che lo reinserisce compatta contro di sé tutti gruppi parlamentari, #PD e governo lo Ricancelleranno”, ha promesso l’autore della modifica che cancellò l`anatocismo con la scorsa Legge di Stabilità. Boccia, del resto, era stato chiarissimo già qualche giorno fa, quando aveva detto: “Basta ipocrisie.

L’anatocismo l’avevamo cancellato con la Finanziaria 2014, governo Letta. Ora viene reintrodotto, seppure in forma annuale e non più trimestrale, con il decreto sulla competitività per le imprese: il che è un ossimoro. Pretendo di sapere chi è il padre di questo emendamento. Escludo che l’abbia fatto il premier. Ma venga fuori l’autore. Soprattutto trovo ingiustificabile e vergognoso che Bankitalia difenda la somma degli interessi sugli interessi, una norma definita illegittima dalla Corte Costituzionale. Sarà inevitabile chiamare in audizione in Parlamento il governatore di Bankitalia Ignazio Visco: venga a spiegare se è d’accordo con il ritorno di una norma che consente alle banche di guadagnare interessi sugli interessi a danno di imprese e famiglie”.

Fonte Italia Oggi di Giampiero Di Santo del 14 luglio 2014

ORA LO SAI CHE SI PUÓ!

Possiamo difenderti dalle Banche ed Equitalia. Clicca qui per saperne di più.

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Ricevi i nuovi articoli per email


Potrebbero interessarti anche:

Derivati, Comune di Prato: il processo a Dexia rivela nuovi scenari

Il principale imputato: “Il ragioniere capo del Comune di Prato non voleva vedere il segno meno nei nostri riepiloghi annuali” PRATO. «Il Comune di Prato, nella persona del ragioniere capo Graziella De Castelli, non voleva vedere il differenziale del contratto sui derivati. Insomma, alla dottoressa De Castelli dava fastidio vedere il segno meno alla fine del […]

UNA incontra gli imprenditori di Confcommercio Siracusa

Oggi a Siracusa, presso la Confcommercio, il nostro collaboratore Dott. Alfonso Cassia incontra gli imprenditori per l’analisi delle proprie posizioni bancarie. Chiamaci al n° 800 321 762 per conoscere i prossimi appuntamenti. UNA s.r.l.   ORA LO SAI CHE SI PUÓ! Possiamo difenderti dalle Banche ed Equitalia. Clicca qui per saperne di più. 0000


Analizza le tue posizioni bancarie


CONTATTACI