Banca Popolare di Vicenza sotto inchiesta per truffa. Ecco cosa accadeva

Pubblicato il 1 marzo 2016 | News

truffatoriLa Banca popolare di Vicenza è al centro di tre inchieste, due sono a Prato e Udine dove si indaga, riporta Repubblica, per truffa ed estorsione nei confronti di centinaia di clienti e investitori “obbligati“ a comprare le azioni dell’istituto, sotto la minaccia di revoca di fidi o mutui.

In sostanza, i clienti e gli imprenditori che avevano bisogno di chiedere prestiti sono stati costretti ad acquistare, in totale, un miliardo di euro di azioni della banca veneta. Una operazione, dichiara il procuratore capo di Prato Giuseppe Nicolosi, vietata e “condotta in assoluto spregio della buona amministrazione”. E sono centinaia i risparmiatori friulani e pratesi (artigiani, piccoli imprenditori, pensionati) che hanno perso tutto dopo aver acquistato le azioni della loro banca, il cui valore è poi crollato, che hanno sporto querela.

Drammatico il caso di un pensionato friulano che ha perso tutti i suoi risparmi, 170mila euro, che erano destinati alle cure della moglie malata di cancro. “Non vorremmo che queste indagini si fermassero all’esecutore materiale (ovvero i dipendenti delle filiali che hanno materialmente processato le sottoscrizioni, ndr) che così diventerebbe il capro espiatorio, lasciando impuniti coloro che realmente hanno implicazioni su scala nazionale”, spiega la portavoce di un’associazione dei consumatori del Friuli.

Fonte. liberoquotidiano.it del 27.02.2016

ORA LO SAI CHE SI PUÓ!

Possiamo difenderti dalle Banche ed Equitalia. Clicca qui per saperne di più.

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Ricevi i nuovi articoli per email


Potrebbero interessarti anche:

Importante decisione della cassazione. Per i derivati è competente il giudice nazionale

Con sentenza del 18 settembre 2014, n. 19675, le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione si sono nuovamente espresse sui limiti di deroga della giurisdizione nazionale in favore di quella inglese relativamente ad una controversia sorta su contratti derivati regolati da un ISDA Master Agreement. In particolare, seconda la tesi dell’intermediario finanziario, la clausola […]

Derivati: La legge è chiara dal 2008. Gli Enti Locali non possono averne e devono chiudere quelli attualmente attivi.

L’operazione di buy-back di titoli di debito delle Regioni, attualmente in corso ai sensi dall’art. 45 DL 66/2014 convertito in L.89/2014, ha lo scopo di generare risparmi sulla spesa per interessi della pubblica amministrazione e una semplificazione delle posizioni debitorie delle Regioni. Si conosceranno tra qualche settimana i risparmi che il Ministero dell’Economia e delle […]


Analizza le tue posizioni bancarie


CONTATTACI