Banca Nuova, pioggia di denunce!

Pubblicato il 6 luglio 2016 | News

banca nuova - usuraBanca Nuova sta continuando a ricevere denunce: paura tra gli azionisti, i risparmiatori ed i dipendenti!

Nuove richieste di risarcimenti dopo l’acquisto di azioni “fasulle”.

PALERMO – Gianni Zonin ha ceduto i “gioielli di famiglia” ai figli. Che succede adesso? Chi risarcirà i risparmiatori di Banca Nuova? Questi i dubbi che si sono fatti strada negli ultimi giorni di fronte alla notizia, riportata dal Corriere della sera, dell’atto notarile col quale l’ormai ex presidente della Popolare di Vicenza, “proprietaria” di Banca Nuova, ha ceduto agli eredi la “Gianni Zonin Vineyards” e la “Zonin Giovanni Sas”. Una “mossa” utile, secondo il Corriere, a mettere al riparo l’impero del vino dell’imprenditore, 186 milioni di patrimonio.

Ma la scelta di Zonin quasi certamente non avrà effetti sulle pretese di risarcimento che pioveranno comunque su Banca Nuova. Semmai, le notizie che arrivano da Vicenza sono incoraggianti. Soprattutto riguardo ad uno degli aspetti al centro del “caso”: l’obbligo di acquisto delle quote “fasulle” della banca in cambio dell’accensione di prestiti e finanziamenti. “Una sentenza del tribunale di Vicenza ha dichiarato nullo quel tipo di accordo. Qualcosa si muove”, dichiarano dall’ADUSBEF. Ma sul tavolo dell’associazione le richieste di risarcimento piovono giorno dopo giorno. Erano una trentina circa una settimana fa, adesso hanno superato il centinaio.

E tra i clienti che hanno acquistato le azioni deprezzate di Banca Nuova, spuntano anche gli stessi dipendenti di Banca Nuova. A diversi impiegati della Banca, infatti, sarebbero state vendute quelle quote. Anche loro, insomma, sono tra i clienti pronti a chiedere un risarcimento. Una condizione a suo modo paradossale. Che si innesta in un “caso” che rischia di avere degli effetti a valanga: ogni minuto che passa, sembra crescere di dimensioni e gravità.

“Le notizie che giungono da Vicenza stanno certamente allarmando tutti coloro i quali hanno sottoscritto quelle azioni. E negli ultimi giorni si è impennato il numero di richieste di aiuto giunte alla nostra associazione. Stiamo provando, sebbene siano davvero tanti, a tranquillizzare ciascuno di loro, anche in vista dell’estate. Crediamo ci siano molti margini perché i risparmiatori possano recuperare i loro soldi”.

E tra questi, come detto, persino i dipendenti di Banca Nuova. Che nei mesi scorsi hanno dovuto anche prendere atto del Piano industriale della Popolare di Vicenza che si tradurrà nella chiusura di alcune filiali, col rischio della perdita di posti di lavoro: sono 575 gli esuberi previsti tra la Popolare veneta e le controllate.

E del resto, bilancio alla mano, nemmeno lo stato di salute di Banca Nuova è ottimale. L’ultimo bilancio, appunto, ha chiuso con perdite superiori a 149 milioni di euro. Il capitale sociale di Banca nuova è pari a oltre 206 milioni di azioni. Sono queste, al momento, al centro del “caso”.

Banca Nuova conta su 107 punti vendita: 93 filiali bancarie, 9 negozi finanziari e 5 punti “Private”. La maggior parte di questi punti è in Sicilia. Ma ecco anche 15 filiali in Calabria. Solo a Palermo città e provincia, invece, un terzo delle filiali: 28 in tutto. Sono tre le filiali a Catania e 15 in tutto quelle della Sicilia orientale. Nella zona di Trapani invece sono state aperte 17 filiali. Altre 15 nella Sicilia centrale (province di Agrigento, Enna, Caltanissetta e Ragusa).

Sono 710 i dipendenti in organico al 31 dicembre 2015: due in meno rispetto all’anno precedente. Costano circa 48 milioni di euro: una media di 67.500 euro lordi a dipendente. Una cifra che ovviamente comprende i costi, e non rende l’idea tra le disparità di stipendi tra i quadri direttivi e i dipendenti semplici. Quasi tutti i lavoratori sono assunti a tempo indeterminato (705) e la stragrande maggioranza impiegati in Sicilia: 621 dipendenti in tutto. Altri 77 lavorano in Calabria, 8 nel Lazio e un dipendente è dislocato nel Veneto. Lì, dove ha avuto origine la valanga che rischia di investire decine di risparmiatori. E persino gli stessi dipendenti di Banca Nuova.

Fonte:  livesicilia.it  04 luglio 2016

ORA LO SAI CHE SI PUÓ!

Possiamo difenderti dalle Banche ed Equitalia. Clicca qui per saperne di più.

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Ricevi i nuovi articoli per email


Potrebbero interessarti anche:

Paralisi Equitalia: la Corte Costituzionale “boccia” oltre 2/3 “falsi dirigenti”

20 marzo 2015 I DIRIGENTI DELLA AGENZIA DELLE ENTRATE -PER OLTRE 2/3- NON RIVESTONO TALE CARICA CON CONSEGUENTE INESISTENZA DEI LORO ATTI Ieri La Corte Costituzionale, con sentenza n°37/2015 si è definitivamente pronunciata su di una questione in essere da diversi anni riguardo l’illegittimità della qualifica di 767 semplici funzionari dell’Agenzia delle Entrate elevati al […]

Danno di Immagine: illegittima segnalazione della banca in Centrale Rischi. Condannata al risarcimento del danno

Storica sentenza che spalanca le porte alla richiesta di danni alle banche per illegittime segnalazioni nelle Centrali Rischi. La banca è tenuta al risarcimento del danno morale per una affrettata segnalazione di insolvenza dell’impresa alla Centrale dei Rischi.Nel caso in cui non vi siano ragionevoli nonché oggettive opinioni tali da ritenere che il credito non […]


Analizza le tue posizioni bancarie


CONTATTACI