Banca Condannata: Chieti, interessi a usura al Monte dei Paschi.

Pubblicato il 30 agosto 2016 | News

mps__le_accuse_anonime_a_david_rossi_4466

CHIETI.Interessi usurari sul mutuo ipotecario e il giudice condanna la banca alla restituzione delle somme indebitamente percepite a titolo di interessi corrispettivi non dovuti.

Il Tribunale di Chieti nella persona del giudice Camillo Romandini, si è pronunciato così nell’azione civile contro il Monte dei Paschi di Siena (Mps) promossa da un cliente, accertando l’usura del contratto di mutuo e disponendo, oltre alla restituzione delle somme indebitamente ricevute, anche l’annullamento degli interessi per le rate future.

L’importante risultato, che è destinato a fare scuola nella giurisprudenza che riguarda i tassi di mutuo applicati dalle banche, è stato ottenuto dallo studio legale degli avvocati Gabriele Balice e Paolo Cardone.

Il contratto di mutuo ipotecario per una somma di 50mila euro era stato siglato da un cliente nel 2005 e prevedeva la restituzione dell’importo in trent’anni ad un tasso di interesse variabile del 3,27% mediante il pagamento di 360 rate mensili. L’indicatore sintetico di costo era stato pattuito al 3,79%, mentre il tasso di mora nella misura del 5,790%, ovvero il 2,514% in più del tasso corrispettivo. Alla data della stipula il tasso soglia anti usura veniva indicato nella misura del 5,805%, ovvero il tasso del 3,86% aumentato del 50%, previsto per la categoria di mutuo a tasso variabile per il primo trimestre del 2005.

Nel caso in esame, il correntista, non sapeva che era stato pattuito un tasso contrattuale superiore al tasso soglia.

Il mutuatario dovrà quindi pagare fino alla fine del rapporto la sola quota capitale.

I tassi “usurari” sono stati scoperti solo dopo che ha chiesto dopo una attenta analisi econometrica del mutuo.Il tribunale di Chieti ha preso quindi in esame l’articolo 5 del contratto di mutuo dello sfortunato debitore che stabilisce che, in caso di inadempimento, il tasso moratorio da applicare sarebbe stato quantificato in 2,514 punti percentuali in più rispetto al “quantum” dell’interesse corrispettivo, verificandosi quindi la sostituzione del tasso corrispettivo con quello moratorio per un ammontare del 5,790% che maggiorato delle ulteriori spese previste nel contratto, ha determinato lo sforamento del tasso soglia antiusura. «Con questa sentenza» commenta l’avvocato  «il Tribunale di Chieti si è conformato al consolidato orientamento giurisprudenziale della Corte di Cassazione Civile intervenuta sul tema dell’usura bancaria, riconoscendo nel computo del Teg (tasso effettivo globale) anche la maggiorazione prevista per il tasso di mora e le spese previste nel contratto».

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Ricevi i nuovi articoli per email


Potrebbero interessarti anche:

Anatocismo: i documenti vanno richiesti PRIMA di agire in giudizio

Anatocismo: chi agisce in giudizio non può pretendere l’estratto conto dal giudice. Per il tribunale di Padova, il correntista deve ottenere i documenti necessari per la sua pretesa prima di agire in giudizio Negato l’ordine di esibizione che il giudice avrebbe dovuto emanare nei confronti della banca, relativamente a contratti ed estratti conto scalari, perché la parte che l’ha richiesto, al fine […]

Derivati: lo scandalo dei tassi manipolati arriva in Italia

ROMA. La tedesca Deutsche Bank, ha pagato lo scorso 15 aprile una multa record da 2,5 miliardi di dollari per lo scandalo Libor, dopo aver già versato 725 milioni di euro all’antitrust Ue per chiudere l’inchiesta in Europa (v. articolo). Il 20 maggio 2015, sei grandi banche, Ubs, Citicorp, JpMorgan, Barclays e Royal Bank of […]


Analizza le tue posizioni bancarie


CONTATTACI