Asta: dopo il 4° tentativo l’immobile torna al debitore

Pubblicato il 16 giugno 2016 | News

aste_immobiliari620x3151PIGNORAMENTO CASA: DOPO IL QUARTO TENTATIVO L’IMMOBILE TORNA AL DEBITORE

Il processo civile apporta delle modifiche di contenuto sostanziale in tema di pignoramento immobiliare. Contemperare le esigenze del debitore e del creditore, non è un lavoro sempre semplice. Sino ad ora l’autorità giudiziaria procedente, a seguito del terzo tentativo di asta rivelatasi infruttuosa, era titolare della mera facoltà di procedere per l’estinzione dell’esecuzione forzata. Siffatta facoltà, però, non è mai stata generalmente illimitata, in quanto subordinata alla verifica concreta della impossibilità di raggiungere un proficuo risultato in favore dei creditori, valutando anche i costi utili per il proseguo della procedura nonché la potenziale ipoteticità della vendita del bene in questione. Con la riforma del processo civile, invece, assume rilevanza decisiva il numero esatto delle aste giudiziarie, identificate nel numero massimo di 4.

Cosa cambia con l’ultimo tentativo di vendita?

Ad oggi dopo il quarto, ossia, l’ultimo esperimento di vendita, il pignoramento immobiliare si chiuderà, con la conseguenza che l’immobile tornerà al debitore. Risulta chiaro che il giudice non gode più della discrezionalità di chiudere o meno il processo; dopo il quarto tentativo di asta infruttuosa, egli deve porre fine alla procedura. Il numero delle aste regolanti la disciplina odierna, prima di ora, non aveva un limite massimo, così come al momento non ci sono circostanze condizionanti la chiusura. Ultima e importante novità consiste nel prezzo libero. Difatti, a seguito del quarto tentativo, a prezzo libero e in assenza del proprietario in casa, il soggetto che riveste lo status di creditore non può più continuare nel suo intento di voler pignorare quel determinato bene.

Aste giudiziarie: ulteriori novità

Si è resa obbligatoria la vendita degli immobili tramite modalità telematiche; condizione procedurale esclusa solo se dimostri che possa nuocere agli interessi dei creditori ovvero renda meno veloce e raggiungibile l’effetto positivo. La modalità di vendita telematica mira a garantire trasparenza e sicurezza. Dopo il quarto tentativo, il soggetto debitore deve liberare l’immobile, evitando che la sua continua permanenza possa essere di ostacolo psicologico alla vendita e quindi all’acquisto da parte dei terzi. Tale circostanza non trova operatività se si tratta di prima casa. Se dopo l’ultimo tentativo di vendita, non hanno luogo offerte di voler acquistare il bene, il giudice si orienta per la chiusura anticipata del pignoramento. Questo vuol dire che il debitore è rimesso nella disponibilità dell’immobile e il creditore se vuole veder soddisfatto il suo credito deve cercare altri beni del debitore da pignorare. Se dovesse agire sullo stesso bene, ormai dichiarato libero, si configurerebbe una chiara ipotesi di abuso del diritto. L’ottica è pacificamente di solidarietà sulla scorta di agevolazioni di varia natura.

 

Fonte:  blastingnews.com 15 giugno 2016

ORA LO SAI CHE SI PUÓ!

Possiamo difenderti dalle Banche ed Equitalia. Clicca qui per saperne di più.

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0

Ricevi i nuovi articoli per email


Potrebbero interessarti anche:

BNL condannata a rimborsare 10 milioni di euro

Banca Nazionale del Lavoro è stata condannata dal Tribunale di Milano, con la sentenza n. 10049/16 pubblicata il 13/09/2016, a risarcire quasi 10 milioni di euro a una società, ramo italiano di un’importante multinazionale francese.  La sentenza è di assoluto rilievo, perché la banca è stata condannata al rimborso più ingente forse finora mai riconosciuto in questa materia e […]

Derivati: perizia tecnica sui contratti sottoscritti dal Comune di Messina

MESSINA – Nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Zanca, parte della Giunta Comunale e alcuni esperti del settore hanno chiarito gli aspetti maggiormente rilevanti della perizia tecnica sui contratti derivati sottoscritti dal Comune di Messina e che sono stati allegati dall’Amministrazione al piano di riequilibrio. “Gli effetti dei contratti derivati sottoscritti dal Comune fin dal 28 maggio 2003, […]


Analizza le tue posizioni bancarie


CONTATTACI